Wesley Snipes

Wesley Snipes, (nato il 31 luglio 1962, Orlando, Florida, Stati Uniti), attore americano meglio conosciuto per i suoi film d’azione, molti dei quali caratterizzati da arti marziali.

Snipes ha trascorso i suoi primi anni nel South Bronx di New York City. Ha studiato arti marziali dall’età di sette anni, inizialmente perché era piccolo per la sua età e aveva bisogno di difendersi. All’età di 12 anni, dopo aver vinto un piccolo ruolo in una produzione Off-Broadway di The Me Nobody Knows, ha deciso che lo spettacolo sarebbe stato il fulcro del suo futuro. Ha studiato recitazione, musica e danza alla High School of the Performing Arts fino al 1977, quando sua madre ha trasferito la famiglia a Orlando, in Florida. Poco dopo aver ricevuto una laurea alla State University of New York at Purchase, ha fatto il suo debutto cinematografico in Wildcats (1986) ed è apparso in una serie di produzioni teatrali e televisive, tra cui Miami Vice e la soap opera All My Children.

Nel 1990 Snipes ha ottenuto il riconoscimento quando ha interpretato un musicista nel film Mo’ Better Blues del regista Spike Lee. L’anno successivo ha ricevuto il plauso della critica per la sua interpretazione di Nino, uno spietato signore della droga di Harlem nel film New Jack City. Nel 1991 Snipes si fa notare anche per la sua interpretazione di un architetto nero che ha una relazione con la sua segretaria bianca in Jungle Fever, sempre diretto da Lee. Nel 1992, dopo i ruoli da protagonista in White Men Can’t Jump e The Waterdance, Snipes ha interpretato un esperto di sicurezza aerea che combatte i terroristi in Passenger 57, che è stato un successo al botteghino.

Gli uomini bianchi non possono saltare't Jump
Gli uomini bianchi non possono saltare

Wesley Snipes (in primo piano a destra) e Woody Harrelson in Gli uomini bianchi non possono saltare (1992), diretto da Ron Shelton.

Twentieth Century Fox

Come la leggenda del cinema Sean Connery (alias James Bond), suo partner in Rising Sun (1993), e la superstar del cinema Sylvester Stallone (alias Rambo), il suo coprotagonista in Demolition Man (1993), la rapida ascesa di Snipes all’élite di Hollywood è avvenuta principalmente come risultato delle sue rappresentazioni cinematografiche di eroi d’azione che costantemente superano in combattimento, sparano e sono più furbi dei “cattivi”.” Nel 1995, tuttavia, Snipes recitò in un ruolo molto diverso da tutti gli altri che aveva interpretato: un travestito di nome Noxeema Jackson nella commedia To Wong Foo, grazie di tutto! con Julie Newmar. I suoi film successivi includono The Fan (1996), in cui appare come un giocatore di baseball professionista che ha a che fare con un fan ossessionato (interpretato da Robert De Niro); U.S. Marshals (1998), un thriller che ha anche Tommy Lee Jones; e Down in the Delta (1998), il debutto alla regia di Maya Angelou.

Abbonati a Britannica Premium e accedi a contenuti esclusivi. Subscribe Now

Nel 1998 Snipes è tornato al cinema d’azione, interpretando un cacciatore di vampiri in Blade. Il film fu un successo al botteghino e portò ai sequel Blade II (2002) e Blade: Trinity (2004). Snipes è poi apparso in diversi film straight-to-video, tra cui 7 Seconds (2005) e The Contractor (2007). Ha interpretato uno spacciatore di droga nel thriller criminale Brooklyn’s Finest (2009) e Doctor Death, un assassino nel thriller d’azione The Expendables 3 (2014). Nel 2015 ha interpretato un misterioso signore del crimine nella serie televisiva thriller The Player. Snipes è apparso come leader di una gang nel controverso Chi-Raq (2015) di Lee, sulla violenza delle gang a Chicago. I suoi crediti successivi hanno incluso Risposta armata (2017) e Dolemite Is My Name (2019), un biopic con Eddie Murphy come star della blaxploitation. Ha collaborato con Murphy nella commedia Coming 2 America (2021).

Oltre a recitare, Snipes ha scritto (con Ray Norman) il romanzo Talon of God (2017), un thriller d’azione su fede e scienza.

Nel 2006 Snipes è stato condannato per non aver presentato la dichiarazione dei redditi dal 1999 al 2001. Ha iniziato a scontare una pena detentiva nel 2010 ed è stato rilasciato nel 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *