The Life of a Nurse Informaticist

Identificheremo le aree chiave dove gli studi ci dicono che sorgono i problemi: educazione inadeguata alla dimissione, un paziente che non ha supporto a casa, udito o vista scadenti, o che assume più farmaci. Prenderemo queste variabili e identificheremo come e dove nel sistema dovremmo avvisare un’infermiera che si tratta di una possibile bandiera rossa e darle gli elementi di un piano per diminuire il rischio di una riammissione. Spieghiamo al team tecnico e applicativo cosa abbiamo bisogno che il sistema faccia. Loro lo costruiscono e noi lo convalidiamo. Poi torniamo dalla direzione clinica e dimostriamo ciò che è stato progettato e costruito. Se approvato, lo portiamo negli ospedali e chiediamo un feedback, che potrebbe portarci a modificarlo di nuovo.

La ricerca è un’altra grande area per gli infermieri informatici. Molte delle ricerche che vengono fatte sono utilizzate dai fornitori nello sviluppo di un prodotto. Si tratta di una relazione simbiotica, e i buoni fornitori incorporano e usano sinceramente ciò che sentono dalle persone in questo ruolo.

Avere un informatico fa una differenza enorme in un progetto IT, perché qualcuno deve essere in grado di tradurre e parlare con la leadership per portarla a bordo prima di qualsiasi iniziativa. Senza questo, qualsiasi tipo di gestione del cambiamento non può avere successo. Ecco perché c’è un tale aumento della domanda di infermieri informatici; ci vogliono persone come noi per capire e poi tradurre le esigenze cliniche in una funzione tecnologica e viceversa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *