Proteggere i propri diritti: I primi 90 giorni di una richiesta di indennizzo

Modulo di richiesta di indennizzo per infortunio sul lavoroRiportare un infortunio sul lavoro al proprio datore di lavoro e presentare formalmente una richiesta di indennizzo può essere una proposta intimidatoria. Molti lavoratori non comprendono appieno i loro diritti e temono ritorsioni da parte del loro datore di lavoro se dovessero presentare una richiesta di risarcimento. Altri non riescono a perseguire rivendicazioni legittime a causa di un malinteso senso che qualcuno che presenta una richiesta di risarcimento dei lavoratori sta cercando di farla franca con qualcosa, o sta in qualche modo approfittando del loro datore di lavoro o del “sistema”.

Cosa copre il sistema

Il sistema di risarcimento dei lavoratori è stato sviluppato per coprire una vasta gamma di lesioni e malattie legate al lavoro, tra cui, ma non solo, le seguenti:

  • Malattie cardiache
  • Ipertensione
  • Tropo
  • Esposizione professionale
  • Trauma cumulativo
  • Muscoloscheletrico
  • Scivolo, inciampare e cadere
  • Malattie trasmissibili

L’indennizzo dei lavoratori è un sistema senza colpa

Quello che forse non capite è che il sistema di indennizzo dei lavoratori esiste per proteggere i datori di lavoro, non per penalizzarli. Nella maggior parte dei casi in California, ai lavoratori che sono feriti sul lavoro è legalmente proibito citare i loro datori di lavoro in tribunale civile. Questo è vero anche quando un lavoratore è ferito per grave negligenza da parte del datore di lavoro. Questo divieto esiste per proteggere le imprese dal sostenere costi proibitivi di contenzioso ogni volta che un dipendente subisce un infortunio sul lavoro. Il compromesso è che i datori di lavoro sono tenuti a portare l’assicurazione di compensazione dei lavoratori o ad essere legittimamente auto-assicurati per consentire un sistema per assistere i lavoratori feriti a ricevere i benefici, comprese le cure mediche e il denaro, in modo rapido.

Le tempistiche dell’indennizzo dei lavoratori possono influenzare la vostra richiesta di benefici

Dovete avvisare immediatamente il vostro datore di lavoro se avete subito un infortunio sul lavoro. Le scadenze e le regole qui delineate si applicano ai primi 90 giorni dopo la presentazione di un reclamo. È importante capirle in modo da ricevere l’intera gamma di benefici a cui si ha diritto.

1. Una volta che un dipendente ha notificato al datore di lavoro un infortunio legato al lavoro, il dipendente dovrebbe ricevere un modulo di richiesta di risarcimento dei lavoratori, noto come DWC-1, da compilare. La presentazione di un modulo DWC-1 compilato al datore di lavoro avvia il processo di richiesta di indennizzo dei lavoratori. Segnalare verbalmente l’infortunio non è sufficiente a far scattare la responsabilità del datore di lavoro di avviare le prestazioni. Assicurati di conservare una copia del modulo per i tuoi archivi, perché è uno dei documenti più importanti nel tuo caso.

2. Entro 14 giorni dal ricevimento del modulo di richiesta, il datore di lavoro deve accettare, rifiutare o ritardare una decisione riguardante la richiesta di infortunio sul lavoro. Se la richiesta è rimandata, il datore di lavoro ha 90 giorni per determinare se accettare la richiesta. Durante questo periodo di ritardo, il datore di lavoro è tenuto a fornire fino a 10.000 dollari di cure mediche per il lavoratore ferito. Il datore di lavoro non è, tuttavia, tenuto a pagare prestazioni di invalidità temporanea per la perdita di salario durante questo periodo di ritardo. Pertanto, se il dipendente è fuori dal lavoro a causa della lesione, e il dipendente ha pagato nel sistema di assicurazione invalidità dello Stato (SDI) o ha qualche altra politica di disabilità attraverso il lavoro, lui o lei dovrebbe applicare per questi benefici.

Conoscere i vostri diritti per quanto riguarda una rete di fornitori medici (MPN)

3. Una delle questioni più importanti durante le fasi iniziali di una richiesta di risarcimento dei lavoratori è decidere quando e dove iniziare il trattamento medico. Il datore di lavoro è legalmente autorizzato a scegliere il fornitore medico per il primo appuntamento. Tuttavia, molti lavoratori feriti sono sotto l’impressione errata che devono continuare a trattare con questo medico iniziale. È dovere del datore di lavoro notificare ai lavoratori feriti l’esistenza di ciò che è noto come Medical Provider Network (MPN), che è una lista di medici pre-approvati da cui un lavoratore ferito può scegliere.

Di solito, tale notifica arriva sotto forma di una lettera con un sito web il lavoratore può andare a trovare un medico. Un lavoratore ferito può scegliere un nuovo medico dal MPN immediatamente dopo la prima visita con il medico aziendale assegnato. Non tutti i datori di lavoro hanno MPN. In questo caso, il datore di lavoro ha il controllo medico per i primi 30 giorni, poi un lavoratore infortunato può designare qualsiasi medico che accetta l’assicurazione Workers’ Compensation a partire da 30 giorni dopo che il datore di lavoro ha ricevuto il modulo di reclamo. Spesso i lavoratori feriti si rivolgono a un avvocato esperto di Workers’ Compensation durante le prime fasi di una richiesta di infortunio per cercare assistenza nell’identificazione di un medico qualificato per il trattamento, in quanto un trattamento medico rapido ed efficace può aiutare un lavoratore ferito a fare un recupero rapido.

A State Panel Qualified Medical Evaluation May Be Required

4. In alcuni casi, la compagnia di assicurazione richiederà un panel Qualified Medical Evaluation (PQME) con uno stato PQME entro i primi 90 giorni. A volte tale valutazione sarà completata come parte dell’indagine del datore di lavoro sulla richiesta, durante i primi 90 giorni, per aiutarli a valutare se accettare o negare la richiesta. Il risultato di questa valutazione può avere un grande impatto sul vostro caso e spesso un lavoratore ferito cercherà il consiglio di un consulente legale esperto prima di vedere un PQME.

Se la richiesta non viene negata entro 90 giorni, un infortunio sarà “presunto risarcibile”, il che significa che l’infortunio sarà accettato e il datore di lavoro non potrà presentare prove contrarie se tali prove avrebbero potuto essere ottenute durante il periodo di 90 giorni. Questa conseguenza si rivela essere un grande vantaggio per il lavoratore ferito.

Ci sono conseguenze da considerare

Se avete presentato una richiesta di Workers’ Compensation, e ricevete una lettera dallo Stato della California che vi dice che dovete scegliere un medico da un PQME, avete un’opzione alternativa prima di conformarvi a questa richiesta. Invece, contattate immediatamente un avvocato esperto di Workers’ Compensation che può aiutarvi a trovare una scelta diversa invece di scegliere alla cieca un medico a caso da una lista emessa dallo stato.

Tenete a mente, tuttavia, che se assistete e partecipate all’esame QME del pannello statale, anche un avvocato non può aiutarvi a scegliere un nuovo e diverso medico QME del pannello, e siete bloccati con quel medico per tutta la vita del vostro caso.
Il tempismo è tutto

I primi 90 giorni generalmente danno il tono all’intero processo di richiesta di risarcimento dei lavoratori. Non agire immediatamente e deliberatamente per proteggere i tuoi diritti può avere un impatto sul modo in cui l’intera richiesta procede. È importante sapere che un lavoratore ferito ha il diritto di avere un avvocato prima di presentare il modulo di richiesta o per l’assistenza nella presentazione, e in qualsiasi momento dopo che è stato presentato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *