Perché abbiamo bisogno di una chiusura dalle relazioni interrotte

Molte volte, da studenti, clienti e amici addolorati, ho sentito il mantra, “nessuno può darti una chiusura se non te stesso”. Di solito viene detto con sconforto mentre trattengono le lacrime dopo aver spiegato che il loro ex partner si rifiuta di riconoscere il motivo della fine della relazione. Il mantra, non sorprende, spesso arriva come una forma di consiglio da amici benintenzionati, membri della famiglia o colleghi di lavoro che cercano di essere comprensivi con qualcuno che è bloccato in una brutta situazione. Quella “brutta situazione” è di solito una che coinvolge una rottura unilaterale in cui la persona che scioglie la relazione non ha agito gentilmente, decentemente, o anche umanamente in seguito. Nel tentativo di sottrarsi alla responsabilità e al senso di colpa, lui o lei si rifiuta di dare all’ex partner una chiusura, causando alla parte respinta enorme dolore e angoscia.

l’articolo continua dopo la pubblicità
Stockpic/Pixaby CC0
Fonte: Stockpic/Pixaby CC0

Il consiglio che solo tu puoi darti una chiusura è così prevalente forse perché offre alla persona che è stata lasciata l’illusione del controllo in una situazione in cui realisticamente non esiste. La premessa è essenzialmente corretta: siamo tutti responsabili delle nostre vite.

Tuttavia, senza offrire una guida adeguata su come trovare la chiusura, può servire a peggiorare le cose. Questo perché quando qualcuno viene respinto e rifiutato con risposte oneste sul perché la relazione è finita, viene lasciato privo della sua dignità. Così, il consiglio di “trovare la propria chiusura” infonde l’idea che la persona che è stata appena rifiutata è ora responsabile del superamento di una decisione che non comprende appieno (e quindi non può riconciliarsi psicologicamente), e che non ha preso (e quindi non è sufficientemente preparata ad affrontare).

Secondo la ricerca fenomenologica, “la chiusura è conoscere il motivo per cui una relazione romantica è terminata e non provare più attaccamento emotivo o dolore, permettendo così la creazione di nuove e sane relazioni”. La devastazione che deriva da una rottura non è quindi causata solo dalla partnership che si perde, ma anche dalla mancanza di chiarezza sul perché la relazione è stata sciolta.

Perché conoscere il motivo di una rottura è così importante?

Interessante, gli esseri umani comprendono il mondo attraverso le storie: Creiamo un passato, un presente e un futuro, e navighiamo nel nostro mondo attraverso questa strutturazione cognitiva. La maggior parte delle relazioni intime sane hanno generalmente un buon senso di dove sono state, dove stanno e dove sono dirette. Allo stesso modo, all’interno della struttura della storia, abbiamo un buon senso di chi siamo e come ci sentiamo in ogni parte della storia, anche se questo può cambiare a seconda del nostro stato d’animo attuale quando riflettiamo. Quando si verifica una rottura unilaterale, tuttavia, interrompe traumaticamente la storia per la persona che la riceve, soprattutto se la rottura è stata inaspettata.

articolo continua dopo la pubblicità

Conoscendo le ragioni per cui la relazione non funziona, l’iniziatore della rottura ha già risolto la sua storia. Tuttavia, la persona che viene lasciata viene spinta dall’essere in un territorio psicologico sicuro in un abisso, in particolare se la relazione era apparentemente sicura, protetta e seria. Un’analogia simile può essere fatta, per esempio, quando si scopre che il proprio partner ha trasgredito la sacralità della relazione.

Quando ci viene data una chiusura, possiamo ricostruire il nostro passato, presente e futuro in modo sano, attraverso la comprensione di ciò che è andato storto e riconfigurare la nostra storia di conseguenza. Quando ci viene rifiutata la chiusura, invece, i tentativi di capire cosa è successo inondano la concezione del nostro passato, presente e futuro. Siamo lasciati a chiederci: Cosa ho fatto? Come ha potuto qualcuno che pensavo di conoscere così bene farmi questo? Come posso fidarmi di me stesso per prendere decisioni future quando le mie decisioni passate mi hanno causato così tanto dolore? Senza risposte sul perché si è verificata una rottura, il modo in cui vediamo la nostra realtà attraverso la nostra struttura di storia passato-presente-futuro può diventare deformata, perché perdiamo il senso di ciò che sappiamo su chi siamo e la fiducia che abbiamo nelle nostre decisioni. Mentre questo è generalmente mediato da cose come la personalità, il confronto sociale, gli altri disponibili, gli stili di attaccamento e l’umore, non ricevere una chiusura può comunque essere un’esperienza profondamente traumatica.

Come dare a qualcuno una chiusura:

Ripartire da qualcuno, in particolare quando credi che il tuo partner non condividerà lo stesso sentimento, non è facile da fare. È difficile assumersi la responsabilità dei propri veri sentimenti e dare ragioni oneste per la rottura, sapendo che si sta ferendo un’altra persona che probabilmente tiene molto a te. Non solo dare una chiusura significa doversi assumere la responsabilità delle proprie azioni nella relazione e potenzialmente sentirsi in colpa per aver terminato una relazione, ma significa anche che si possono scoprire aspetti di se stessi, espressi dal proprio ex partner, che altrimenti si potrebbe aver scelto di ignorare.

articolo continua dopo la pubblicità

Tuttavia, nelle relazioni normali e non abusive, dare le vere ragioni del perché la relazione sta finendo è la cosa più gentile, giusta e onesta da fare. Dopo la rottura, lasciate al vostro partner un po’ di tempo per elaborare il lutto della relazione, e offritevi di rispondere a qualsiasi domanda lui o lei possa avere durante il processo di lutto. Create e comunicate i vostri limiti, e pianificate di incontrarvi tra qualche settimana per rispondere a qualsiasi domanda in sospeso e dire un ultimo addio. Questa dovrebbe essere un’opportunità per parlare onestamente e apertamente con l’altro e terminare la relazione in pace.

Come darsi una chiusura:

Se il vostro partner si rifiuta di darvi una chiusura dopo che l’avete chiesto ripetutamente, chiedetevi se il tipo di persona che vi immaginavate fosse vi avrebbe trattato con tale indegnità e se il futuro che avreste potuto immaginare insieme includeva questa caratteristica. È probabile che la vostra risposta sia ‘no’. Quindi, puoi cominciare a riconciliare il fatto che forse hai immaginato che il tuo partner fosse qualcuno che non è e perdonarti per esserti fidato di qualcuno che ti ha ferito.

Puoi trovare pace nell’affrontare le azioni offensive del tuo ex-partner scrivendogli una lettera senza aspettarti una risposta, che puoi scegliere di inviare o meno. Un tipo specifico di scrittura, come dimostra la ricerca, può essere particolarmente efficace nel diminuire l’angoscia post-scioglimento: Esaminare la relazione attraverso una lente di redenzione, in cui ci si concentra sui risultati positivi che derivano da una rottura o da un evento negativo. Scrivere della relazione in questo modo, nel corso di 4 giorni, ha dimostrato di ridurre la sofferenza emotiva che può derivare dalla fine di una relazione. Mentre gli amici e la famiglia potrebbero consigliare di chiudere attraverso la ricerca di un significato dalla rottura, sorprendentemente, la ricerca mostra che in eventi come la separazione coniugale, la ricerca attiva di un significato e la scrittura su di esso non solo è inefficace, ma può effettivamente causare un peggioramento e un allungamento del disagio emotivo.

articolo continua dopo la pubblicità

Invece, ricordatevi di quanto segue: A volte, le cose semplicemente non funzionano e non c’è niente che tu o il tuo partner avreste potuto fare. A volte, i sentimenti svaniscono; non c’è una vera ragione per questo e non c’è niente che tu possa fare per recuperarli. Può non essere giusto, e può far male, ma va bene così.

Infine, stabilite un obiettivo che sia impegnativo ma raggiungibile, e partite. In questo modo, non solo la vostra storia potrà cambiare in meglio, ma ne costruirete una nuova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *