Perché è importante essere equamente uniti?

30 giorni possono cambiare la tua vita

Condividi con gli altri

Qui c’è un avvertimento che non è divertente da sentire, ma prometto che lo dico per aiutare. C’è una mina che si trova in molte relazioni e che non può essere ignorata. Non andrà via a meno che non ne parliate. Anche se è doloroso, anche se le conversazioni sembrano portare un cuneo più grande tra di voi.

È quello che la Bibbia chiama essere “uniti in modo disuguale”, e può rovinare il vostro matrimonio. Lo so, perché ha quasi rovinato il mio.

La prima volta che ho sentito il termine unequally yoked nel contesto del matrimonio in chiesa, ho pensato che significasse che mi doveva piacere lo stesso tipo di uova di mio marito. Dovevo rinunciare alle mie uova al tegamino per la sua omelette di prosciutto e formaggio? Poi ho capito presto che c’è una grande differenza tra il tuorlo d’uovo e la parola giogo. Uno, si scrivono in modo diverso. Questo avrebbe dovuto essere il mio primo indizio, ma a volte l’inglese è difficile. Due, il tuorlo è la parte gialla dell’uovo di un uccello, e un giogo è un pezzo di legno a croce che viene fissato sul collo di due animali e attaccato all’aratro o al carro che devono tirare. Tre, beh, non ho un tre se non che sto ancora ridendo di me stesso per aver confuso le parole.

Ma la vera domanda è: cosa ha a che fare un pezzo di croce di legno con il matrimonio? La Bibbia lo dice in questo modo:

Non siate uniti con i non credenti. – 2 Corinzi 6:14

Quando gli animali non sono ugualmente aggiogati, non stanno lavorando insieme per portare a termine il compito, ma lavorano in contrasto tra loro. Se non avete le stesse credenze, gli stessi valori o anche la stessa morale, lavorerete l’uno contro l’altro nel vostro matrimonio.

Vi starete chiedendo, questo significa che non dovrei sposarmi con il mio fidanzato se crediamo in due teologie diverse? Questa è una grande domanda con una risposta difficile che potreste non voler sentire. Dio è abbastanza chiaro. Se vuoi avere un grande matrimonio, devi essere ugualmente unito.

Capisco che questo possa sembrare drammatico, o che tu possa anche non credere che sia vero. Potreste pensare che non essere ugualmente uniti sarà un non problema nel vostro matrimonio. Potreste aver avuto un matrimonio da favola e anche un buon matrimonio, ma alla fine, verrà fuori e può distruggere il vostro matrimonio.

Quando io e Doug ci siamo sposati, lui era ateo, cioè non credeva in Dio. Io credevo che Dio esistesse, ma semplicemente non pensavo che Dio fosse per me, quindi non ero attiva nella mia fede a quel tempo. Era lì, ma solo sepolta per un po’. La cosa divertente è che abbiamo avuto un enorme matrimonio in chiesa. Eravamo in piedi davanti a tutti con il ministro che ci diceva che il matrimonio era stato creato da Dio, mentre Doug non credeva in Dio, e la mia fede era scesa a malapena a un seme di senape. Piuttosto ironico, vero?

In effetti, abbiamo avuto una lettura dal libro di Ruth 1:16-17, “Ma Ruth rispose: “Non spingermi a lasciarti o a tornare indietro da te. Dove andrai tu, andrò io, e dove resterai tu, resterò io. Il tuo popolo sarà il mio popolo e il tuo Dio il mio Dio. Dove tu morirai, io morirò e là sarò sepolto. Possa il Signore trattare con me, sia mai così severo, se anche la morte separa te e me.”

Quello che non sapevo quando abbiamo scelto a caso questo verso per il nostro matrimonio è che Ruth non sta parlando a suo marito, ma a sua suocera Naomi. Il marito di Ruth è morto, e Naomi le ha detto di tornare dal suo popolo per potersi sposare di nuovo, perché non ha senso restare con lei, dato che non avrà mai un altro figlio da sposare per Ruth. Invece di andarsene e tornare a casa sua, Ruth prese l’audace decisione di legarsi a Naomi quando fece la dichiarazione che il tuo Dio è il mio Dio. Il risultato sorprendente di questa storia è che Dio alla fine benedisse Ruth con un nuovo marito, Boaz, che faceva parte della famiglia di Naomi.

Anche se Ruth e Naomi non è una relazione matrimoniale, mostra cosa significa essere ugualmente uniti spiritualmente. A differenza di Ruth e Naomi, io e Doug eravamo su pagine diverse e il nostro matrimonio era in difficoltà. Non lavoravamo insieme come una squadra, ma lavoravamo uno contro l’altro, causando stress e rabbia nel nostro matrimonio.

Avevamo pensieri diversi su come crescere i nostri figli – da se e quando dovessero andare all’asilo a come disciplinarli. Non parlavamo di soldi o di come combinare i nostri conti. Lui teneva il suo conto e io il mio. Quando ho iniziato a esplorare l’idea di andare in chiesa, sapevo che si sarebbe arrabbiato, così non gliel’ho detto.

Quando finalmente ho avuto il coraggio di andare in una chiesa, è stato per la disperazione di voler cambiare qualcosa nella mia vita perché ero così miserabile. La ragione per cui sapevo che si sarebbe arrabbiato è che era un ateo molto vocale, quindi se non glielo avessi detto, non avrei dovuto sentire tutte le ragioni per cui non avrei dovuto andare in chiesa. Ancora più importante, non volevo che Doug mi dicesse perché Dio non esisteva, perché stavo iniziando a capire che Dio era per me e non contro di me. Così ho mantenuto il segreto, e sono riuscita a mantenerlo per sei mesi mentre lui lavorava al terzo turno e dormiva quando io e i bambini andavamo in chiesa.

Ma una mattina, ci stavamo preparando a uscire dalla porta, e lui ci chiese dove stavamo andando. Invece di mentire, gli ho finalmente detto la verità, e quel giorno Doug è venuto in chiesa con noi. Quel giorno Doug ha smesso di essere ateo e ha iniziato a credere in Dio. Quel giorno il nostro matrimonio è passato dall’essere unito in modo disuguale all’essere unito in modo uguale. Non è stato il giorno in cui abbiamo detto “A-ha! Abbiamo capito completamente Dio”, ma è stato il giorno in cui abbiamo deciso di iniziare il nostro viaggio di ricerca di Dio insieme.

Non lavoravamo più uno contro l’altro, ma lavoravamo insieme come una squadra unita – la squadra Bryant. Sì, litighiamo ancora, e sì, dobbiamo ancora lavorare duramente al nostro matrimonio. Ma quando si ha lo stesso obiettivo, quando si è ugualmente uniti, i litigi sono molto più facili.

Devo dire che so che è un miracolo che il nostro rapporto sia cambiato. E mi rendo conto che molti di voi possono conoscere questo avvertimento nella Bibbia, ma tu sei l’unico nel tuo matrimonio a cui interessa. Forse avete già provato a riconciliarvi in passato. Forse avete pregato per anni o addirittura per decenni. Forse non hai ancora legato il nodo e hai il terrore di parlarne perché hai paura di quello che potrebbe succedere.

Dovunque tu sia, voglio che tu sappia che Dio è anche per te.

Tutto quello che ci dice di fare è perché è per il nostro bene. Lui vuole un grande matrimonio per te. Sia che tu abbia decenni di matrimonio o che ti sia appena fidanzato, credo che Dio voglia fare un miracolo anche nella tua relazione. Vale la pena di pregare. Vale le conversazioni difficili.

Se ti appoggi, credo che Lui si mostrerà con misericordia e miracoli anche per te.

Scritto da

Kacie Bryant

Sono una moglie incredibile e una madre alla moda di 3. Chi sto prendendo in giro, ho 40 anni. Non posso più essere alla moda ma mio marito mi assicura che sono ancora cool. I miei talenti includono l’essere in grado di prendere il vomito con le mie sole mani da 3 piedi di distanza (con tre bambini succede). Lavoratrice a tempo pieno e blogger part-time.

Pubblicato il 19 novembre 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *