La ‘vera’ brass monkey e altri 6 drink resi famosi dalle hit

Entertainment

By Tim Donnelly

June 13, 2014 | 11:50am

Beastie Boys

I Beastie Boys hanno recentemente rivelato il vero intruglio dietro la famigerata “Brass Monkey.”Tutto quello che pensavate di sapere sulla scimmia d’ottone era sbagliato.

I fan dei Beastie Boys sono rimasti scioccati questa settimana quando Mike D ha detto allo Studio 360 della WNYC che quello di cui la band stava rappando nella loro hit del 1986 “Brass Monkey” non era, dopo tutto, una bottiglia da 40 once di liquore al malto mescolato con succo d’arancia. Invece, dice che era “un cocktail composto da succo d’arancia, vodka e rum scuro, che veniva premiscelato in una lattina.”

Quindi cambierà il modo in cui i fan bevono in onore dei Beasties? Probabilmente no. Ma la scimmia d’ottone è lungi dall’essere l’unico omaggio alle bevande che troverete nella musica. Ecco i nostri sette preferiti:

‘Gin and juice,’ Snoop Dogg

La jam del 1994 ci ha portato la bevanda iconica dell’hip-hop anni ’90. Il ritornello di Snoop – “Rollin’ down the street, smokin’ indo, sippin’ on gin and juice/Laid back (with my mind on my money and my money on my mind)” – divenne un iconico inno estivo/filosofia di vita.

E ha ispirato alcuni famosi tributi, incluso questo recente Brian Williams banger.

‘Faygo soda,’ Insane Clown Posse

Scusate se non ne avete mai sentito parlare prima, perché probabilmente non siete dei clown horror amanti del trucco. Gli Insane Clown Posse, il gruppo rap di Detroit noto per i suoi temi oscuri di carnevale e i suoi fan devoti (conosciuti come Juggalos) ha una bevanda caratteristica: Faygo soda.

La soda economica è affiliata alla loro città natale, e sono stati conosciuti per lanciarla ai fan o colpirsi l’un l’altro sulla testa con bottiglie di essa.

‘Sizzurp,’ Three 6 Mafia

Prima che la band vincesse un Oscar per la sua canzone “It’s Hard Out Here for a Pimp” da “Hustle & Flow” nel 2006, stava cantando le lodi di “sizzurp”. Sizzurp è descritto da Rap Genius (la Wikipedia dei testi hip-hop) come: “

L’ingrediente chiave dello sciroppo per la tosse è una combinazione di sedativo e antistaminico per ottenere il ronzio richiesto. Non è l’unico inebriante di cui cantano i Three 6 Mafia in quella canzone, comunque.

‘Cherry Cola,’ Savage Garden

Questa contagiosa canzoncina che ha fatto da colonna sonora a molti balli delle scuole medie negli anni ’90 trasuda il suono del decennio. Il suo verso più famoso è quello in cui il cantante dei Savage Garden canta velocemente le parole “In the base of my spine, sweet like a chica cherry cola.”

Un sito di fan dei Savage Garden (sì, esistono) dice che la parola “chica” non significa altro che qualcosa che suona bene in quel testo.

La canzone del 1996, nonostante la credenza popolare, non si intitola “Cherry Cola,” ma piuttosto “I Want You.”

‘Cider drink,’ Chumbawamba

“Cider drink,” o, come lo chiamiamo noi negli Stati Uniti, “cider,” fa un’apparizione nella lista degli alcolici che i ragazzi e le ragazze dei Chumbawamba hanno bevuto nel loro successo del 1997 “Tubthumping.”

Il gruppo era un punk anarchico in Gran Bretagna, quindi probabilmente erano sorpresi di vedere la loro canzone diventare l’inno dei ragazzi ubriachi delle confraternite in America.

‘Courvoisier,’ Busta Rhymes

L’hip-hop ama nominare le marche di alcolici, e “Pass the Courvoisier Part II” di Busta del 2002 era solo una delle tante canzoni che menzionavano la marca di cognac. Il genere dava anche allegramente spazio pubblicitario a Hennessy e Cristal – almeno fino a questa controversia.

‘Brass monkey,’ Beastie Boys

Che importa quale sia la bevanda in realtà, questa canzone è ancora una jam oggi come quando è uscita nel 1986. I fan di tutto il mondo rendono omaggio mescolando le loro versioni di succo d’arancia e una 40 in omaggio alla band.

La scimmia d’ottone di cui Mike D dice di aver rappato è in realtà una versione premiscelata in lattina, ma questo richiede roba che non si trova facilmente al supermercato. Quindi probabilmente rimarremo con i 40s.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *