I modi migliori per evitare i finestrini appannati

Conosci il tuo nemico

La nebbia sui finestrini si materializza quando l’umidità dell’aria si trasforma in milioni di minuscole goccioline d’acqua sul nostro parabrezza. Nessuno si sorprende di questo, ma riflettere un po’ su come e perché accade può ancora valere la pena.

A temperature sotto lo zero, ogni parte della tua auto si raffredda, compresa l’aria bloccata al suo interno. Come ci torneremo, l’aria fredda è secca. L’umidità intrappolata si congela e si nasconde nei tessuti e sulle superfici.

Quando entrate, portate calore e umidità. Più siete in macchina, più ne apportate. C’è neve sulle tue scarpe e sui tuoi vestiti, il tuo alito è umido e la tua pelle può essere sudata. Forse avete anche portato del caffè appena fatto nell’equazione. Dato che senti freddo, accendi anche il sistema di riscaldamento.

Donna che respira a nuvola quando fa freddo
Il caldo incontra il freddo.

È fisica

L’aria calda è calda perché ha più energia. Quell’energia fa muovere le molecole d’acqua nell’aria più velocemente e più lontano. Quell’energia provoca anche l’evaporazione dell’umidità nell’auto, riempiendo l’aria con più vapore.

Il processo si inverte quando l’aria calda e acquosa all’interno dell’auto si scontra con i finestrini ancora freddi. L’aria perde energia fino a quando le molecole d’acqua si muovono lentamente e abbastanza strettamente da condensare di nuovo in goccioline d’acqua. Le goccioline si attaccano al vetro, e ora non puoi vedere dove stai andando.

Come evitare i finestrini appannati!

Per combattere la nebbia, devi limitare l’umidità, assicurarti che tutto abbia la stessa temperatura, o preferibilmente entrambe. Ecco alcuni modi per farlo.

Riscalda la tua auto

Termini riscaldatore interno, in piedi
Riscaldatore interno Thermini™ II

A parte il parcheggio interno, il modo più affidabile per prevenire l’appannamento è preriscaldare l’auto con un riscaldatore interno. Il preriscaldamento assicura che tutto, compreso il parabrezza, abbia una temperatura abbastanza alta fin dall’inizio. Se sospetti che l’aria sia particolarmente umida, puoi aprire le porte e le finestre per qualche secondo per farla uscire.

Leggi di più sui riscaldatori interni o sul nostro sistema completo di preriscaldamento WarmUp.

Cercate di essere asciutti

Spazzolare via i vestiti ed entrare di lato per scalciare la neve dagli stivali sono riti familiari a molti. Così come mettere le cose bagnate in una borsa. Anche se è utile, un po’ d’acqua entra sempre. Inoltre, il tuo respiro ha un’umidità relativa del 100% e il tuo corpo ha 37 gradi Celsius. Quando fuori si gela, gran parte del problema sei tu.

Felice ragazzo sepolto nella neve
Non tutti hanno le stesse priorità.

Risciacquare

Un modo per limitare l’umidità sulle tue finestre è fare in modo che finisca altrove. Vari prodotti deumidificatori sono disponibili per l’acquisto, ma un calzino riempito di lettiera per gatti fresca potrebbe funzionare altrettanto bene. Ricordati solo di sostituire l’imbottitura dopo un po’.

Utilizza l’AC

Sì, anche in inverno. La tua aria condizionata funziona rimuovendo l’umidità e il calore dall’aria e spostandola all’esterno, che è proprio quello di cui hai bisogno. Usarla con attenzione ti permette di mantenere una temperatura confortevole.

Mantenila pulita

La nebbia ha bisogno di qualcosa a cui aggrapparsi, quindi più pulito è il tuo parabrezza, meno nebbia ci sarà. Le particelle dall’interno dell’auto e dalla strada all’esterno creano una pellicola all’interno del parabrezza. Ricordati di pulirlo di tanto in tanto. E non usare mai le mani per togliere la nebbia. Questo peggiora solo le cose.

Mantieni il freddo

Letteralmente. Lasciare il riscaldamento spento e aprire le finestre per far uscire il calore e l’umidità è un modo efficace per evitare le finestre appannate. Tuttavia, molti pensano che questa cura sia peggiore della malattia.

Leggi di più sul perché dovresti preriscaldare la tua auto

Leggi le 4 migliori ragioni per installare un caricabatterie nella tua auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *