[Guida] Cambiare le marce su una moto

Quando si tratta di guidare senza problemi su una moto, Mr.Chow di Hangover probabilmente chiederebbe – “Ma, hai cambiato?”

La maggior parte delle moto sul mercato sono un cambio manuale, il che significa che si cambia marcia da soli invece di fare affidamento sulla meccanica del veicolo per farlo per voi e coinvolgono una leva chiamata leva della frizione. Per mantenerlo semplice, mi concentrerò sul cambio con la frizione su una moto a 6 velocità (alcune hanno 4 o 5 marce – più o meno lo stesso schema di cambio meno una marcia).

Fondamentalmente, la vostra moto vi dirà che ha bisogno di cambiare da come il motore suona e da come risponde – questo è il modo in cui mi piace insegnare ai miei studenti, poiché fare affidamento su un tachimetro (che mostra i giri del motore o i giri al minuto) è una cosa in più che toglie gli occhi dalla strada.

Tenere gli occhi sulla strada è estremamente importante – soprattutto quando si sta imparando – e altrettanto importante negli anni a venire, perché potrebbe fare la differenza tra arrivare a casa o arrivare a 2 metri sotto terra su una barella.

Più imparare a leggere, ascoltare e sentire la moto può anche dirvi quando qualcosa è fuori e non suona come di solito fa o dovrebbe, o qualcosa non funziona proprio bene (il che significa che si potrebbe desiderare di farlo controllare da qualcuno – preferibilmente qualcuno che è un meccanico di moto con licenza).

Il cambio sulle moto è sequenziale. Questo significa che la marcia più bassa è la 1a, poi il neutro è un mezzo scatto in su tra la 1a e la 2a (fondamentalmente su o giù, N o neutro è sempre tra la 1a e la 2a marcia con un’eccezione che toccherò alla fine di questo articolo.

Così un modello di moto a 6 velocità dovrebbe apparire come questo: 1, N, 2, 3, 4, 5, 6. Se siete in stile MotoGP, quello schema è ora opposto dove si sposta uno su per arrivare in prima, e giù per raggiungere 2-6 (di nuovo tutto in ordine sequenziale proprio al contrario dello stile di cambio regolare). Si prega di vedere la mia guida precedente per maggiori dettagli sui tipi di cambio.

Conciliazione per suono e sensazione

Regola base del suono

Ho un semplice detto: se il motore ha un suono alto, cambia marcia più in alto (cambio in alto nelle marce) e se il motore ha un suono lento e basso (passo basso), cambia marcia più in basso. Questo è un modo molto semplice per ricordare quando cambiare e questa è la mia regola di base del suono.

Suono alto = cambio alto, suono basso = cambio basso.

Ora per fare questo correttamente, c’è un certo numero di metodi diversi che la gente insegna, ma per i principianti, mi piace attenermi al modo più semplice e una volta che si conosce più meccanicamente sulla tua moto, con la memoria muscolare e il tempo di guida, la sperimentazione con ciò che hai imparato non farà male.

Quando si guida in prima marcia per esempio e si passa alla seconda, è necessario dare alla moto un motivo per cambiare. In modo ottimale si avrà una buona risposta dell’acceleratore mentre la frizione è disinnestata, ma il motore non sta urlando a voi a quello che chiamano red-line. È dove hai colpito il limite di velocità di rotazione del motore e rimbalza su qualcosa chiamato limitatore in modo che il tuo motore non superi le sue capacità e riduca drasticamente la sua durata.

Se si ingrana troppo presto, e la moto va in stallo, il che significa che il motore non ha avuto abbastanza potenza per quello che gli stavi dicendo di fare, basta afferrare la leva della frizione al manubrio e scendere di 7, 8 circa 1000000 volte (finché è più del numero di marce, allora sai che sei in prima), premere il pulsante di avvio, inserire la frizione e ripartire. Puoi partire con marce più alte, ma hai bisogno sostanzialmente di molto più gas per incoraggiare qualche forma di accelerazione.

In che marcia sono?

Chiedo sempre ai miei studenti, come fai a sapere in che marcia sei? È una domanda a trabocchetto – di solito non lo sai. Si sa che si inizia in prima, e si può cambiare solo una marcia alla volta. Quindi si torna alla mia regola di base del suono e del cambio più volte rispetto al numero di marce per sapere che sei di nuovo in prima.

Mi è stato detto, “ma hey Jenn – questa moto mostra sui controlli che marcia sono in”, a cui di solito rispondo, “non fidatevi dell’elettronica – come alla fine, non riescono” e nastro adesivo da essere visto fino a quando siamo fuori sulla strada – molto per il loro sgomento.

La parte sensazione viene in con la leva della frizione e come la potenza della moto cambia, e anche con il piede sulla leva del cambio. Dovresti avere scarpe che sono scarpe da moto adeguate sia per la sicurezza (sono un grande sostenitore di ATGATT o All The Gear All The Time), e sono progettati in modo che si dovrebbe essere in grado di sentire la leva del cambio.

Posizionamento del piede

Ho avuto studenti che hanno indossato stivali con la punta d’acciaio o tacchi spessi con un bordo – e sembrano sempre finire con il problema di non completare il cambio e scivolare in folle perché forse stanno usando il bordo della scarpa invece di mettere il piede proprio sotto la leva. Circa il 90% delle volte dall’osservazione, questo finisce per essere il problema se hanno qualche problema con il cambio.

Cosa succede quando si cambia marcia?

Schema meccanico del cambio

Diagramma basato sull’originale di VF750FD

Sequenza di cambio

Per entrare nella meccanica, prima spiegherò la sequenza del cambio. In poche parole, quando si è pronti a cambiare marcia, si tira la leva del cambio – disinnestando il motore dalla ruota posteriore (termini semplici), si mette il piede sopra o sotto la leva (a seconda dello stile del cambio e se si sta salendo o scendendo nella sequenza delle marce) e si preme verso il basso o si tira su quella leva con il piede sinistro.

Poi allo stesso tempo, si applica l’acceleratore e si rilascia la leva della frizione lentamente. Sottolineo lentamente a causa della tendenza dei nuovi piloti a lasciare andare la leva all’improvviso (la maggior parte delle volte a causa dell’affaticamento dei muscoli che non sono stati usati da un po’ di tempo o mai) invece di entrare con calma nel cambio.

È importante avere un po’ di acceleratore o “blip” l’acceleratore come alternativa (fondamentalmente aumentando il numero di giri di un po’ aprendo e chiudendo rapidamente l’acceleratore e lasciando scendere i giri per adattarsi al cambio di marcia). Questo è il motivo per cui a volte si sentono i motociclisti che fanno salire di giri i loro motori quando cambiano le marce – e no, non è solo per mettersi in mostra. Questa è la sequenza di movimenti per completare il vostro cambio.

Questo è in aggiunta a guardare dove state andando, tenendo il serbatoio con le ginocchia e tutto il resto che sta accadendo durante la guida. Ora, capite perché dico che guardare il quadro strumenti è irrilevante all’inizio?

Schema del cambio

Diagramma di Auto – How Stuff Works

Meccanica del movimento

Torna alla meccanica della moto. Cosa succede mentre fai tutti questi movimenti? Per prima cosa inizierò con la frizione, dato che è la prima cosa che toccherete quando andrete a cambiare nella maggior parte dei casi, a meno che non sia automatica o abbia un cambio rapido – ne parleremo in un articolo successivo.

Quando la frizione è inserita – la leva è fuori e la potenza va alla ruota posteriore – ci sono piccole molle che premono sul disco della frizione che collega la trasmissione primaria all’albero di ingresso. In altre parole, la parte che ruota dai pistoni che vanno su e giù e che si collega ai diversi ingranaggi per tradurre la potenza di rotazione alla ruota posteriore.

Quando si tira la leva, la piastra si separa, rilasciando la connessione al motore. Questo permette di cambiare le marce (che è quasi impossibile senza la frizione, a meno che non sia perfettamente sincronizzato – e questo è qualcosa che è più avanzato).

La leva del cambio su cui il piede preme è collegata a qualcosa chiamato forcella del selettore di marcia. Questa si muove intorno a una parte che attacca gli ingranaggi del motore al differenziale, come le parti che contengono la catena, le cinghie o l’albero di trasmissione che trasferisce la potenza alla ruota posteriore.

La forcella del selettore di marcia ha qualcosa chiamato un collare con “cani” che si ingranano insieme quando la forcella si muove da una marcia alla successiva. I “cani” sono i piccoli pezzi che bloccano gli ingranaggi insieme all’albero motore. È come se metteste insieme le vostre mani e intrecciaste le dita, le vostre dita agirebbero come i “cani”.

Il temuto falso neutro

Motorcycle gears and the risk of false neutral

Courtesy of Bikes Republic

Andando un passo avanti con il cambio, è possibile per la vostra moto scivolare in qualcosa chiamato falso neutro o tra le marce che non dovrebbero avere il neutro come la terza alla seconda, la quarta alla quinta e così via.

Quello che significa è che quando avete spostato la leva del cambio per cambiare la marcia, potrebbe non essere stato un movimento sufficiente e i cani si sono staccati da una marcia, ma non si sono collegati con quella successiva e quindi il collegamento non è stato completato e non c’è potenza alla ruota posteriore. Fondamentalmente, gli ingranaggi si stanno muovendo ma non c’è nulla che li colleghi.

Se mai dovesse succedere, tirate la frizione, mettete il piede sotto (o sopra nel caso del cambio stile MotoGP), e tenete il piede dopo tirando su (o spingendo giù per lo stile MotoGP) – fondamentalmente andando brevemente in una marcia superiore. Questo ridurrà la possibilità di danni agli ingranaggi in quanto si stanno sincronizzando in una rotazione più lenta.

Non dirò che non avrai danni, perché questo non è necessariamente vero e forse segni di usura nel tuo cambio – ma solo un rapido cosa fare e correggere la marcia una volta che sei fuori dalla falsa neutra. Un buon modo per evitare che questo accada del tutto è semplicemente quello di assicurarsi di comprimere/tirare completamente la leva del cambio sul piede e magari lasciarla lì fino a quando non hai rilasciato completamente la frizione.

Ci possono essere situazioni in cui avere il piede sotto il cambio non è una buona idea – per favore usate il buon senso, perché se c’è qualcosa che cattura il vostro piede, come il terreno, probabilmente sarebbe più sicuro per i vostri piedi essere sopra/sulle pedane.

Upshift vs. Downshift

Upshifting

Upshifting sarà sempre più facile che downshifting perché le marce si stanno muovendo in un livello più alto e si ha intenzione di andare più veloce. Quindi, se accidentalmente si rilascia la frizione troppo velocemente, è più indulgente, anche se tenere a mente che può anche significare un sacco di potenza improvvisa al posteriore e un sacco di cambiamento nella dinamica (come un wheelie o dove la gomma anteriore si stacca da terra).

Discrezione, non suggerisco fortemente di tentare impennate o acrobazie di qualsiasi tipo a meno che non siate in un ambiente sicuro e controllato lontano da auto, ostacoli, persone, ecc. e abbiate l’attrezzatura adeguata e l’addestramento.

Raccomando anche fortemente di non tentare nulla di tutto ciò senza un sacco di esperienza sulla vostra moto prima e non sono responsabile delle scelte personali di nessuno in queste materie). Diventa bravo come i professionisti con le tue basi e poi allenati da lì.

Cambio in basso

Il cambio in basso può essere meno fluido (con l’eccezione delle moto con controllo del cambio o frizioni a slittamento), il che significa che se si rilascia la frizione troppo velocemente, quel cambio verso il basso può effettivamente rallentare la gomma posteriore che comprimerà l’anteriore, o causare un suono cinguettante dall’improvvisa mancanza di trazione dalla gomma posteriore al terreno. Questo è il punto in cui il controllo della frizione è davvero importante e più ancora, essere fluido e controllato quando si rilascia la leva della frizione.

Tenere questo in mente anche quando si attraversano le curve come quel cambiamento improvviso nel pneumatico posteriore può effettivamente causare abbastanza trazione per allentare per continuare oltre il punto di aderenza e gettarvi in un lato basso, il che significa che la gomma posteriore scivola fuori oltre il punto di trazione e la moto è ora sbandata lungo la strada sul suo lato.

Anche se, in generale, si dovrebbe essere abbastanza inclinati e avere un cambiamento improvviso nella trazione della gomma posteriore perché questo accada. Si prega di vedere il mio articolo per un breve pezzo sui cambiamenti di trazione e su come questo influisce sulla vostra guida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *