Disney sta terminando il suo programma vault, dando a Disney+ una spinta enorme nella guerra dello streaming

Disney+, il prossimo servizio di streaming della società, porterà l’intero catalogo Disney di film d’animazione, mettendo fine al programma “vault” di lunga data della Disney. Il CEO Bob Iger ha detto oggi agli azionisti che Disney+ “ad un certo punto abbastanza presto dopo il lancio” porterà i film che “tradizionalmente sono stati tenuti in un ‘vault’ e portati fuori praticamente ogni pochi anni”.

Questo è un importante cambiamento di politica per l’azienda, che, fino ad ora, ha deliberatamente creato carenze artificiali dei suoi film attraverso riedizioni estremamente limitate. Per esempio, un film come 101 Dalmatians sarebbe stato disponibile per l’acquisto durante la sua uscita iniziale in casa prima di essere messo in “cassaforte” per un lungo periodo. La Disney ha iniziato la pratica come un modo per controllare il proprio mercato e far salire la domanda ogni volta che rilasciava una nuova edizione di un vecchio classico. Ma la politica ha portato a clienti frustrati, che spesso devono pagare un premio elevato per Blu-ray o DVD usati dei film che non sono disponibili in un dato momento. La tradizione si è estesa anche alle piattaforme di distribuzione digitale della Disney. Per esempio, anche con il live-action Aladdin della Disney in arrivo, il film d’animazione non è disponibile per lo streaming o l’acquisto digitale.

Disney ha attualmente 34 cicli di film dentro e fuori il caveau, che vanno dai film più popolari della compagnia, come Il Re Leone e La Bella e la Bestia, ai sequel direct-to-video come Bambi II e La Sirenetta II: Ritorno al Mare. Anche se 34 film potrebbero non sembrare abbastanza per influenzare gli incerti abbonati che potenzialmente stanno già sborsando 10 dollari al mese per un abbonamento a Netflix e ulteriori dollari su altri servizi di streaming, è un affare piuttosto grande per i fan della Disney che non possiedono già la libreria completa.

Disney sta puntando molto sull’esclusività. Ecco perché la società ha deciso di prendere un colpo da 150 milioni di dollari per rimuovere i suoi film da Netflix. Il riconoscimento multigenerazionale del marchio Disney è un elemento chiave della sua strategia commerciale. La libreria di film dell’azienda, sia live-action che animati, è quasi ineguagliabile dai servizi di streaming rivali. Mentre Netflix e Hulu stanno creando contenuti originali, sono troppo nuovi per avere titoli con il peso della storia Disney. Nel frattempo, AT&T si sta preparando a lanciare il proprio servizio di streaming attraverso WarnerMedia, contando molto sul backlog di contenuti di HBO, che potrebbe anche essere un importante punto di vendita. Ma quel contenuto potrebbe non essere esclusivo di WarnerMedia. Potrebbe ancora essere concesso in licenza ad altri servizi, come Amazon Video.

I film Disney presto non saranno disponibili per lo streaming se non su Disney+ – non su YouTube, Netflix, o anche sui canali TV della Disney. Dagli irriducibili Disney che vogliono rivedere i loro film preferiti ai genitori che non vedono l’ora di presentare ai loro figli i loro film preferiti dell’infanzia, i fan dovranno raggiungere i supporti fisici home video esistenti o Disney+. Un nuovo rapporto della CNBC illustra il valore di questa esclusività.

“La nostra fiducia nel successo duraturo di Disney+ deriva dall’impareggiabile riconoscimento del marchio della società, dall’ampio contenuto premium e dall’impareggiabile ecosistema per commercializzare il servizio”, ha detto agli investitori l’analista Alexia Quadrani, come riportato dalla CNBC.

La reazione su Twitter ha amplificato le convinzioni degli investitori e le speranze dei dirigenti Disney. Data la promessa di Iger che il servizio costerà “sostanzialmente meno” di Netflix quando verrà lanciato, l’annuncio del vault sembra un modo semplice per generare una base iniziale di abbonati.

Iger conferma che l’intero vault Disney sarà parte di Disney+.
Il mio portafoglio è fuori.

– Scott Gustin (@ScottGustin) March 7, 2019

Ok, se l’intero Disney Vault sarà su Disney+ potrei doverlo considerare seriamente ora.

– Tina (@EmpressTina) March 7, 2019

(molto Christopher dalla voce Sopranos)
Certo che mi prendo il servizio streaming Disney! Stai scherzando? Avrà tutti i film del caveau! Sai cosa c’è nel vault Disney in questo momento? Aladdin, cazzo. Esci da qui!

– anne victoria clark (@annevclark) March 7, 2019

Disney sta facendo esplodere il Vault per mettere letteralmente tutto su Disney+? Posso accettarlo. Break the Disney Vault!

– Aaron H. (@Cyber_Fox_) March 7, 2019

Disney non sta solo facendo affidamento sul suo catalogo di vecchi film. L’azienda sta anche progettando di produrre serie live-action da franchise popolari come Star Wars, Marvel, High School Musical e Monsters, Inc. Ma avere a disposizione la promessa di Aladdin, Il Re Leone, Dumbo e La Sirenetta è un vantaggio cruciale. JPMorgan scommette che Disney avrà alla fine 160 milioni di abbonati in tutto il mondo, secondo la CNBC, che è più degli attuali 139 milioni di Netflix.

Disney non ha ancora una data di lancio o un prezzo esatto per il suo servizio, ma ci si aspetta che maggiori informazioni vengano fuori dalla giornata degli investitori dell’azienda l’11 aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *