Carl Lewis

Carl Lewis è generalmente considerato uno dei più grandi atleti del mondo. Ha dominato in più eventi: i 100 metri, i 200 metri e il salto in lungo. E ha dominato questi eventi per periodi significativi, vincendo quattro medaglie d’oro consecutive nel salto in lungo.

La IAAF, che è l’organismo internazionale di atletica leggera, ha onorato Lewis come atleta mondiale del secolo. Il Comitato Olimpico Internazionale lo ha scelto come sportivo del secolo. Sports illustrated lo ha nominato olimpionico del secolo.

I riconoscimenti, così come il successo durante la notevole carriera di Lewis, sono apparentemente infiniti.

Il figlio di due allenatori di atletica leggera, Lewis si è affermato come un atleta d’elite in giovane età. Ha stabilito il record nazionale di salto in lungo al liceo e come matricola all’Università di Houston, si è qualificato nel salto in lungo e nella staffetta 4×100 metri per i Giochi Olimpici di Mosca 1980.

A causa del boicottaggio americano, Lewis ha dovuto aspettare altri quattro anni per fare il suo debutto olimpico, ma ha mai fatto un tonfo ai Giochi di Los Angeles 1984, abbinando il notevole bottino di quattro medaglie d’oro di Jesse Owens ai Giochi Olimpici di Berlino 1936. Lewis ha preso l’oro nelle gare di 100 e 200 metri, il salto in lungo e la staffetta 4×100 metri. L’unica delusione da parte della folla americana è venuto nel salto in lungo, dove Lewis ha stabilito il suo marchio vincente di 28 piedi al suo primo tentativo, fallo sul suo secondo tentativo e passato sui suoi altri tentativi al fine di riposare per le sue gare imminenti invece di prendere una corsa a Bob Beamon record mondiale di lunga data.

Ai giochi olimpici di Seul 1988, Lewis inizialmente finito secondo nei 100 metri corsa a Ben Johnson, ma il canadese giorni dopo testato positivo per una sostanza vietata e Lewis è stato presentato l’oro. Ha anche preso oro nel salto in lungo e argento nei 200 metri, ma non ha mai corso nella staffetta 4×100 metri dopo i suoi compagni di squadra pasticciato un handoff all’inizio della gara e abbandonato.

Lewis non è riuscito a qualificarsi nelle gare di 100 e 200 metri per i giochi olimpici di Barcellona 1992, ma ancora dimostrato che era materiale medaglia d’oro, vincendo il salto in lungo e poi ancorando la staffetta 4×100 metri per un record mondiale che sarebbe stare per 16 anni.

Ai Giochi Olimpici di Atlanta 1996, Lewis vinse di nuovo l’oro nel salto in lungo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *