Bruce Springsteen

Il tour Born in the U.S.A. iniziò un venerdì sera. La domenica precedente, Bruce invitò una cantante dai capelli rossi che aveva conosciuto nella scena musicale del Jersey Shore a venire a una delle ultime prove della E Street Band. Il giorno dopo, la cantante fu assunta e le fu detto di fare le valigie: era nella band, e doveva essere a St. Paul entro tre giorni.

La decisione potrebbe essere stata presa all’ultimo minuto, ma Patti Scialfa non era certo un’incognita quando entrò nella E Street Band. Lei e Bruce erano amici, essendo stati agli stessi spettacoli allo Stone Pony in molte notti nei primi anni ’80. Patti era stata in tour con Southside Johnny e gli Asbury Jukes, e aveva lavorato con i Tone, la band che David Sancious aveva formato dopo aver lasciato la E Street Band. Aveva studiato alla Scuola di Musica dell’Università di Miami e alla New York University. Mentre cercava di guadagnarsi da vivere suonando a metà degli anni ’70, aveva risposto ad un annuncio sul Village Voice che l’aveva portata ad un’audizione con la E Street Band; aveva anche registrato con Bruce in studio durante le sessioni di Born in the U.S.A., mettendo giù una traccia vocale che non fu utilizzata su disco.

Bruce aveva usato voci femminili in passato nella sua musica, in particolare durante i cinque mesi di Suki Lahav in una prima incarnazione della band, ma aggiungere una cantante donna a tempo pieno, “rompendo il club dei ragazzi”, come Bruce notò anni dopo, fu un grande cambiamento. Inizialmente, il suo ruolo era quello di assicurarsi che “qualcuno colpisse quella nota, ogni notte”, ma avere una donna nella band ha anche fornito un nuovo elemento all’impatto visivo della band. L’interazione uomo/donna che era possibile con la presenza di Patti divenne una parte fondamentale del tour Tunnel of Love nel 1988, con Patti in un ruolo di primo piano al centro del palco con Bruce su “Tougher Than the Rest”, “Tunnel of Love” e “One Step Up”, tra gli altri.

Innamoratisi durante il tour Tunnel, Bruce e Patti si sposarono nel 1991; hanno tre figli. L’equilibrio di Patti tra la sua vita domestica e il suo ruolo nell’attuale E Street Band ha portato alla sua periodica assenza dal palco, con Bruce che umoristicamente nota che, con gli adolescenti in casa, “il forte deve essere sorvegliato.”

Rumble Doll, l’album di debutto solista di Patti, è uscito nel 1993. 23rd Street Lullaby è seguito nel 2004, insieme al suo primo tour da solista (con un ospite speciale di nome Bruce che si presenta di tanto in tanto). Ha anche aperto lo spettacolo finale del tour Vote for Change alla Continental Airlines Arena nel 2004. Quando il suo album più recente, Play It as It Lays, è stato pubblicato contemporaneamente ad un tour della E Street Band, “Town Called Heartbreak” di Patti è stata aggiunta al set della E Street, eseguita come duetto tra Patti e Bruce nella prima tappa del Magic tour nel 2007.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *